Hic et Nunc

Indovina chi?

Nacque a Gela in Magna Grecia, scrisse poemi, narrò delle delizie della vita. Indovina chi?

Ehi, eccolo!

Eccolo, il ghiotto!

Ohi, emulator di Sardanapalo!

To’, Teognide dei golosi!

Oh oh, guarda l’ingegnoso cuciniere!

Veh, Esiodo de’ leccardi!

Ma va là, general della mense!

Anonimo, 2021 d.C.

Quanto conobbi in viaggiar mostrando
A Grecia tutta, ove miglior si trova

Ogni cibo dirò ogni liquore. 

Di vivande squisite unica mensa 

Accolga tutti, ma di tre o di quattro.

Ο di cinque non più sia la brigata: 

Perché se fosser piύ cena sarebbe 

Di mercenarj predator soldati.”

Archestrato, Le delizie della vita, 330 a.C.
Caro Archestrato, scrivesti il tuo poema in esametri e usasti quell’intonazione epica per celebrare, con tutta la tua poesia, i migliori bocconi e i migliori vini conosciuti. Se allora il tuo lavoro conobbe poche fortune e rari elogi, quanto ti rivolsero – dico io di quei epiteti così diffamatori e quei nomignoli ridevoli – furono ingiurie gratuite.
Oggi qui ti commemoriamo. 
Perché corresti tutta la terra e tutti i mari per cantare le migliori vivande e i vini più pregiati, e con quel linguaggio d’ispirazione omerica e tante parole dilettevoli, e senza saperlo in vita, diventasti nell’eternità, il vate dei buongustai.
Già.
Il sapiente, il sottile, il preclaro poeta di Gela – o piuttosto di Catagela, qualcuno sospira e dice, forse, di Siracusa – tu fosti il primo. Il primo a idolatrare Gastarea, secoli prima che Brillat-Savarin le desse i natali. Il primo a compilare una guida gastronomica. Il primo a trattare così soavemente del pane, dei pesci e della selvaggina. Il primo a esporre la maniera di produrre e di conservare il vino. Dei pesci, tuo particolare diletto, indicasti le qualità migliori, i luoghi di provenienza, le specie più rinomate e le stagioni in cui è opportuno catturarli. 
Archestrato, io sostengo che la cucina sia la sintesi di variabilità e costanza e tu hai nutrito la variabilità raccontandone la costanza.  HEDYPÀTHEIA, Le delizie della vita, è la tua opera divulgatoria che c permette di conoscere ogni bendidio circolante nel IV secolo a.C., in quella grande Magna Grecia. La cucina di cui le tue parole sono testimonianza, la racconti, circoscritta nello spazio e nel tempo, come parte di un processo evolutivo continuo. Di questo processo si necessita ogni frammento per comprenderne le dinamiche. Occorrono genti illuminate che ne parlino, col proprio stile, a proprio modo, con i mezzi congeniali… purché ve ne sia traccia. Perché chi aspetta che un fatto accada può raccontarlo e chi attende ancora può spiegarne il processo accidentale che l’ha causato. 

“Non potendo studiare l’uomo in tutte le sue facoltà e abitudini, ho scelto la più duratura e anche la più piacevole: la nutrizione. Dal modo di mangiare degli altri, dalla loro scelta, dal loro modo di comportarsi in questa quotidiana ritualità io traggo considerazioni di ordine generale, risalgo alle Cause e ai Fini.”

…scrisse il tuo collega Eugenio Montale, e io ne traggo ispirazione. Scrivesti…

“…quando, al tramonto in cielo di Orione, la madre del grappolo vinifero lascia cadere a terra la chioma, allora cerca di avere un sargo arrosto, cosparso di cacio, bello grande, caldo, macerato con aceto forte”.

Ti prego, invita ancora al consumo, loda ed elogia, dai consigli di condivisione con le tue parole, perché oggi ti ricordiamo volendo render giustizia al tuo essere stato, poeta, Archestrato, di Gela.

Archestrato amico io son studioso,
di quella specie d’huomini, che fanno
il convivio secondo le Muse appetitoso.
Di quelli ideali, ch’a la vita vanno,
spinti da un non so che, da un lor ardore,
chi si rinnova mille volte l’anno.
Di quei che per piacer cantan di sapore,
Ch’in dir la verità son apprezzate
E che se scopre ogni nuova d’un alto valore.
Archestrato mio, venite con me, per favore, e cantate.

Comandante Alfa

Previous article

La lampuga e il sashimi

Next article
Luca Govoni
Ha sposato la cucina dopo essersi innamorato delle sue storie meravigliose. Così ne parla, ne scrive e ne insegna. Responsabile del settore storia e cultura ad ALMA - La Scuola Internazionale di Cucina Italiana e docente di gastronomia, capita spesso che collabori con alcune riviste di settore. Ogni tanto partecipa a progetti di cooperazione internazionale nei Paesi Terzi, ma ultimamente ha dichiarato di folleggiare e amoreggiare tutte le notti con Gastarea.  

You may also like

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.