Car Maniac

Pambuffetti

Cosa è un sogno?

Una rappresentazione il più delle volte di una volontà che immagina. Una volontà che crea e costruisce un divenire. Un obiettivo che, in sé, porta in grembo un desiderio.

Desidus: allontanarsi dalle stelle o tendere alle stelle.

Un valore assoluto che stabilisce un primato. Voglio che il desiderio si avveri.

Che lo spazio e il tempo intorno a me concretizzino attraverso una materia viva e pulsante la mia volontà.

Non conosco Juri Pambuffetti. Né ho il privilegio e l’onore di poter interpretare un suo sogno. Né nessuno dei suoi livelli come magari saprebbe fare Christopher Nolan. Ho l’ardire di immaginare e scrivere che la sua creazione è immagine e specchio, materia e suono di un suo sogno, di un suo desiderio.

La conquista della stella.

La sua passione, il suo patire per raggiungere l’eccellenza tanto anelata. Il dettaglio minimamente analizzato teso ora al piacere di guida ora al tecnicamente ineccepibile si fonde con la grande emozione del risultato perfetto. Italianità come saper fare bene in campo motoristico, la storia insegna, qui espressa con rigore e passione ai vertici delle loro emozioni. Emozione che si trasferisce dalla pista alla strada. Continuare a percepire un feeling da pista, reazioni millimetriche, velocità, sentire l’asfalto legato all’auto come fosse un tutt’uno fuso insieme nel suo divenire dinamico possente e potente.
I materiali devono trasportare il contatto più intimo e cerebrale, il volante lo riassume e lo trasmette, il corpo, tutto, posizionato come una monoposto impone, diventa generatore di sensazioni che riconducono alla massima espressione della guida.
Il sogno diviene realtà: il risultato è il continuum che si stabilisce tra il box e la strada per tornare a casa. Non un distacco nudo e crudo ma un fil rouge che si stabilisce tra circuito e strada aperta.

Non limitiamo il sentire agli 800 cavalli ai 10 cilindri ai pochi millisecondi necessari al cambio ad innesti frontali per cambiare marcia; sono numeri, solo numeri.

Immaginate il sogno, calatevi ed immergetevi con giusta curiosità nella mente e nella volontà di chi ha saputo tradurre un’emozione in puro piacere da vivere.

SEGUI LUCA

La lampuga e il sashimi

Previous article

Incontro con Franco Fontana

Next article
Luca Turner
Giornalista, vive a Milano. Una moglie, due figli, tre, quattro, cinque grandi passioni tra cui la grande cucina, i grandi vini, l'automotive e, più in generale, la tecnologia al servizio dell'uomo. È sensibile alla bellezza e all'efficienza. In ogni forma.

You may also like

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.