l'Europeo

-ISMO N.1

Il Naturale

Pensateci. 

Credete che sia un caso che questa smania per i vini naturali ci abbia investito proprio in questo momento storico? 

E credete sia un caso ch’essa riguardi, nei suoi esiti, più le nuove che le vecchie generazioni?

Ma non mi si fraintenda, che diamine, non parlo di “giovani” anagraficamente, bensì di giovani bevitori, ché tali si può essere anche a settant’anni; parlo di gente per cui il vino è cosa nuova: di amatori implumi, immemori delle annate, ignari della filologia imposta dal “territorio” come immemori sono, a tal proposito, anche i vini ch’essi bevono troppo impegnati come sono a scambiare il fine – ovvero il vino stesso che del territorio dovrebbe essere la più esatta e nobile sublimazione – col mezzo – ovvero il suo metodo. 

ESEMPIO DI “TERRITORIO”, ESTRAPOLATO DA ENOGEA: LE MENZIONI GEOGRAFICHE DEL Barbaresco DA l’Enciclopedia delle Grandi Vigne

In questo senso, i sostenitori del vino naturale sono più burocrati di quelli che, invece, bevono per edonismo e sono fanatici perché agitati da una strumentalizzazione – ogni strumentalizzazione è una strumentalizzazione politica – che fa credere loro di bere meglio e, quindi, più legittimamente. 

Chiaramente, le insidie di questo modo fazioso di bere ledono il mondo intero. 

In primo luogo ledono loro stessi che, bevendo non col proprio palato ma per partito preso, rinunciano alla costruzione di un loro gusto e, di conseguenza, a una delle poche occasioni di costituirsi come individui liberi che ci resta. 

In secondo luogo ledono il mondo del vino che, per compiacerli – a loro, che sono pur sempre nuovi consumatori – cederà alla superstizione del metodo – che invece è cosa sterile sempre, sia che si tratti di temperatura controllata in acciaio inox che di macerazioni, fermentazioni spontanee, vitigni autoctoni e così via – eretto a garante di qualità certa. 

E di certo in barba al vino stesso che, così facendo, scompare, obnubilato da ragioni politiche e pertanto implicitamente antitetiche al concetto stesso che tanto difendono: quello di natura. 

banksy 2009, Devolved Parliament

Ma non solo, perché così utilizzato, strumentalizzato, politicizzato e ridotto a metodo, “il naturale” finisce per essere, nel vino, più omologante del convenzionale e, come una lente di ingrandimento usata al contrario, allontana da quello che, invece, sarebbe il suo fuoco.

Tomaso Trussardi

Previous article

Tiziana Rocca

Next article
Ian Schiel
Un'infanzia difficile ha plasmato il suo universo estetico, decadente, e quello, più intimo e personale, del polemista filantropo. Ne ha fatto quasi una professione: presagire criticità e incastrare interessi col fine unico del bene, individuale e collettivo.

You may also like

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.