Il Privé di Davide Bertellini

Franco Ordine

Chi sei?

Sono un giornalista sportivo che ha cominciato la sua carriera da cronista; dopo alcune esperienze mi sono trasferito a Milano, dove sono approdato al Corriere dello Sport e successivamente a Il Giornale di Indro Montanelli, di cui sono diventato redattore capo. Mi diletta poi, naturalmente, anche l’attività televisiva in TeleLombardia e a Tiki taka che è diventata una trasmissione cult per chi ama lo sport, e non solo, su Italia 1, il lunedì sera. Sono comunque un uomo che ha quattro “stelle comete”: gli affetti, il lavoro, l’informazione e l’amicizia.

Qual è la tua più grande passione?

La mia più grande passione dopo la buona cucina e l’attività fisica è sicuramente il mio lavoro: mi ritengo un uomo fortunato perché, come dice il famoso proverbio cinese, “beato sia colui che fa del proprio lavoro la propria passione”.

E la tua più grande paura?

La mia più grande paura è, molto banalmente, la malattia.

Il colore preferito?

Il mio colore preferito è il blu.

In quale epoca viviamo?

Ecco, viviamo nell’epoca in cui pensavamo di conoscere tutto, di avere il dominio, il controllo della situazione, e ci siamo scoperti di una fragilità assoluta che nemmeno i nostri genitori, che pure hanno attraversato le Grandi Guerre, hanno mai vissuto.

Cosa c’è dentro al bicchiere?

Guarda ultimamente nel mio bicchiere c’è dell’acqua buona… C’è poi sicuramente anche un po’ di buona birra, che gradisco particolarmente, e del vino delle mie terre (Foggia n.d.a.) che, devo dire, apprezzo ancora.

L’ultimo pasto prima del patibolo?

Ecco un piatto semplice: un piatto di troccoli, che sono una specie di pasta alla chitarra, con ricotta dura e ragù alla pugliese condito anche con un po’ di braciole pugliesi.

Fumatore? Se sì, cosa?

No, da ragazzo ero un fumatore; ho poi smesso il 28 luglio del 1990 e sono diventato un āyatollāh dell’antifumo; il ché ha portato clamorosi vantaggi alla mia esistenza, tanto in fatto di salute che di portafoglio.

Il libro sul comodino?

Il mio libro sul comodino è di Bruno Vespa: Luna: Cronaca e retroscena delle missioni che hanno cambiato per sempre i sogni dell’uomo.

Cosa accadrà domani?

Domani spero che ci sia il ritorno alla quasi normalità – perché la normalità vera non la guadagneremo prima del 2021/2022 – spero che ci sia il ritorno a vedere qualche partita di calcio e, soprattutto per me, il ritorno in palestra.

Quanto alle partite, il Campionato si riprenderà secondo le modalità che conosciamo, a porte chiuse; ci sarà prima la Serie A e poi soltanto in autunno quelli di B e C. Quanto al calcio di prima, non se ne parlerà prima del 2021, in preparazione del Mondiale 2022.

Segui Franco

Indovina chi…

Previous article

L’istanza dell’enunciazione del vino

Next article
Davide Bertellini
Folgorato fin dai primi anni dell'adolescenza da un'inarrestabile e sempre crescente "passione gourmet" a 21 anni aveva già fatto due volte il giro del mondo. Oggi, imprenditore nel campo della moda e del lifestyle, ha sostituito alla palestra il ristorante e, in qualità di jetsetter, frequenta i più importanti party e charity events nel mondo. Poliglotta, con la scusa di girare il mondo per il suo lavoro nel campo della moda frequenta i più bei ristoranti alla ricerca di quello migliore, che purtroppo non ha ancora trovato. Founding member Gustavia Yacht Club di St. Barth, è anche top reviewer italiano della guida americana Opinionated About Dining, scrive su Identità Golose per Paolo Marchi e su Passione Gourmet, al quale è affiliato a capo della direzione marketing. Sogno nel cassetto? Un tour mondiale dei ristoranti “3 stelle” della Guida Michelin con fotografo, ghostwriter e jet privato.

You may also like

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.