Il Privé di Davide Bertellini

Angelo Garini

Chi sei?

Padre, nonno, architetto e appassionato di tutto ciò che rende la vita più bella.

Qual è la tua più grande passione?

Occuparmi del mio giardino sul Lago Maggiore alternando il lavoro a momenti dedicati alla lettura. 

E la tua più grande paura?

Perdere l’entusiasmo per quello che faccio e la voglia di affrontare nuovi progetti. Temo di passare da uno stato in cui ho sempre voglia di nuovi progetti ad uno stato in cui mi annoio. 

Il tuo colore preferito?

Non ce n’è uno in particolare; mi piacciono tutti i colori e, in particolare, tutte le tonalità mediterranee come, ad esempio, i colori del sole e quelli del mare. 

In che epoca viviamo?

Sicuramente in un’epoca di grande cambiamento e di avvicinamento ad un maggiore stato di consapevolezza.

Cosa c’è dentro al tuo bicchiere?

Un ottimo tè freddo alla menta. Devo confessare che non amo gli alcolici, di nessun tipo,  proprio non mi piacciono. E poi solo acqua naturale, perché non sopporto quella gasata.

L’ultimo pasto prima del patibolo?

Una bella coppa di crema al mascarpone o una di crema chantilly.

Sei o sei mai stato un fumatore?

No!

Il libro sul comodino?

Premetto che leggo tantissimo; ora sto leggendo “La regina d’inverno” che è la storia di Eleonora di Aquitania… amo moltissimo i romanzi storici. Un altro libro che ho attualmente sul comodino è “Iole Girardis” di Laura Graziano, che narra le vicende di una maestra elementare visionaria che giunge in una frazione di Pragelato nel 1920.

Cosa accadrà domani?

Io sono un ottimista e quindi mi piacerebbe augurarmi o, meglio, augurare al mondo di aver saputo trarre una lezione da ciò che è accaduto. Sicuramente mi sento di dire che noi italiani abbiamo saputo affrontare questa situazione in maniera esemplare e siamo stati portati a modello da tutto il mondo.

Sono orgogliosamente italiano e la capacità dei miei connazionali di adattarsi a questa situazione, con la creatività, lo spirito e la ricerca della gioia che sempre ci contraddistingue, è stata encomiabile. Spero che l’Italia si renda conto di come sia stata un modello per il mondo.

Per quel che mi riguarda mi attende un periodo di riposo assoluto dopo mesi di duro lavoro. Ho tanti nuovi progetti per l’autunno tra cui la pubblicazione di due libri entro la fine dell’anno e la realizzazione di un format teatrale al quale sto lavorando. Il teatro è una mia passione segreta a cui non ho mai potuto dedicarmi e, quindi, sto lavorando a questo progetto: una commedia che parla di Leonardo Da Vinci nella sua veste di organizzatore di eventi…

segui angelo

Meglio soli che accalcati in spiaggia: la Malvasia di Fenech

Previous article

La cucina del Quirinale (parte II)

Next article
Davide Bertellini
Folgorato fin dai primi anni dell'adolescenza da un'inarrestabile e sempre crescente "passione gourmet" a 21 anni aveva già fatto due volte il giro del mondo. Oggi, imprenditore nel campo della moda e del lifestyle, ha sostituito alla palestra il ristorante e, in qualità di jetsetter, frequenta i più importanti party e charity events nel mondo. Poliglotta, con la scusa di girare il mondo per il suo lavoro nel campo della moda frequenta i più bei ristoranti alla ricerca di quello migliore, che purtroppo non ha ancora trovato. Founding member Gustavia Yacht Club di St. Barth, è anche top reviewer italiano della guida americana Opinionated About Dining, scrive su Identità Golose per Paolo Marchi e su Passione Gourmet, al quale è affiliato a capo della direzione marketing. Sogno nel cassetto? Un tour mondiale dei ristoranti “3 stelle” della Guida Michelin con fotografo, ghostwriter e jet privato.

You may also like

1 Commento

  1. Lei è sicuramente un professionista che può essere di esempio a tutta la categoria! Da Wedding Planner la ringrazio…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.