Vertigini

Sir Thomas Sean, Sean Connery

Sensuale e regale, aristocratico ben oltre l’aristocrazia, Sean Connery è stato uno di quegli uomini per cui l’aspetto esteriore ha rappresentato nient’altro che il contraltare, più che esatto, di quello interiore che era acuto, intenso, ironico e intelligente; oggettivamente bellissimo e, soprattutto, scozzese; scozzese sin nel midollo.

Nato a Edimburgo in un giorno di fine estate da un camionista e da una donna delle pulizie, si dice che da ragazzo fosse molto fisico: amava giocare a calcio e perdersi nei grandi spazi della sua amata terra natale.
A 13 anni dovette abbandonare la scuola per sostenere finanziariamente la famiglia: in casa mancava tutto, perfino l’acqua calda.
Iniziò dunque a lavorare come lattaio e come assistente di un macellaio; si è arruolato in Marina, dove si è tatuato “mamma e papà” e “Scozia per sempre”: gli unici due tatuaggi che avrebbe mai avuto. Come il padre è stato camionista, ma non si è fatto mancare esperienze da bagnino, modello d’artista e addetto alle pulizie funebri fino a quando, all’età di 32 anni, fu finalmente scelto per il ruolo che avrebbe cambiato le sorti, non solo le sue ma anche quelle di tutto il mondo cosiddetto civilizzato: nacque James Bond.

Il resto è leggenda. Quella di un uomo sostanzialmente impossibile: desiderato dalle donne, ammirato dagli uomini, simbolo di tutte le virtù che l’uomo in terra potrà mai incarnare.

Dell’origine del cattivo gusto

Previous article

La Brandade

Next article

You may also like

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.